Se avessi cinque euro per ogni ora passata sui social potrei trasferirmi in Messico senza bisogno di aprire un chiringuito sulla spiaggia. Per fortuna ho un altro lavoro che mi piace e sufficientemente flessibile da permettermi qualche passione a latere. Insegno microeconomia all’università, e mi diverto ancora. michela cellaL’insana addiction per i social si è mischiata a quella solo apparentemente più sana per la politica e così mi sono ritrovata anche io a dare una mano (non solo virtuale) in occasione delle primarie 2013 del Partito Democratico dove ho conosciuto molti degli altri matti qui su Miew.
Non contenta ho pure un po’ variato i miei temi di ricerca dalla microeconomia pura a politcal economy per poter frequentare senza troppi sensi di colpa Election Days, il corso di comunicazione politica organizzato da Quorum, dove sono arrivata terza solo perché c’era Franz che è oggettivamente imbattibile. Purtroppo (o per fortuna) non ci sono state nuove campagne elettorali da allora e quindi non ho potuto testare le nuove competenze. Per il momento sono diventata molto più brava a trovare titoli ficcanti per i miei papers e quelli di alcuni miei colleghi.
Sono affabilmente opinionated, e davanti a una birra possiamo parlare di tutto. Per le cose di politica mi trovate anche su Gli Stati Generali e epossibile.org

Annunci