By Franz Foti

Ogni tanto anche noi di Miew ci prendiamo una pausa dalla birra e dai panini e ci piace parlare di qualcosa che non sia solo il mondo commerciale, per quanto comunicato in maniera fresca e interessante. Una cosa di cui fino ad ora non ci siamo mai occupati, ad esempio, è il mondo legato alla beneficenza.

Chi l’ha detto che le regole che valgono per il business non possano valere anche per il no-profit? Nessuno, e infatti possono. Eccome, se possono.

Prendete ad esempio Arnold Schwarzenegger. Sì, proprio così, avete capito bene. Il buon vecchio Arnold sta per darvi una lezione di come si fa comunicazione per il no-profit. And he’s gonna blow your mind!

ArnoldSchwazenegger omaze

Ma faciamo un piccolo passo indietro. Avete mai sentito parlare di Omaze.com? E del progetto After-School All-Stars? Ecco, vi assicuro che da oggi ne sentirete parlare molto di più. Omaze.com è un sito che sta rivoluzionando il mondo della beneficenza, grazie all’intelligente intuizione dei suoi due fondatori. I due ragazzi, con un passato di documentaristi, hanno avuto la bella pensata di orientare su tre cardini il loro storytelling:

1) Esperienze trasFormative: non utilizzano le grandi star solo come testimonial, ma come protagoniste assieme ai donatori di una vera esperienza che, oltre ad essere divertente, può potenzialmente cambiare la vita dei suoi partecipanti.

2) Cause Importanti: qua non si parla di pinguini che hanno freddo, ma di accesso a beni primari. Chi supporta le campagne di Omaze.com fa del bene a chi ne ha realmente bisogno.

3) Contenuti Coinvolgenti: il tutto è veicolato con video e concept davvero eccezionali.

E proprio il punto 3 ci permette di tornare a Schwarzy. Non indugiamo oltre, vediamo assieme il video, so che non vedete l’ora!

 

Il divertentissimo video vi invita a far esplodere tutto con la star dei film d’azione, e il tutto per un’ottima causa, ovvero il succitato After-School All-Stars program, un progetto di sostegno doposcuola ai ragazzi delle periferie di 15 delle principali città americane, che li supporta negli studi e li tiene lontani dalla strada.

after school all stars
Il meccanismo delle donazioni è semplicissimo, un classico sistema a scaglioni crescenti come un qualsiasi kickstarter. Si va dalla semplice nota di ringraziamento, a un videomessaggio del protagonista di Terminator, da una felpa creata appositamente ai biglietti omaggio per il festival del bodybuilding che prende proprio il nome dal nerboruto ex governatore della California.

Ma il messaggio che vogliamo farvi portare a casa è l’estrema visibilità che questo fantastico video ha dato a questo meritevole progetto: in un solo giorno oltre trecentomila visualizzazioni su YouTube e più di un milione e centomila sulla pagina Facebook di Schwarzenegger, che diffonde il messaggio con oltre ventimila condivisioni e quarantamila like.

Certo, in molti coglieranno solo l’aspetto ludico dell’operazione, ma pensateci: se anche solo l’1% di questi facesse una donazione, magari solo per entrare nel contest (il vincitore potrà realmente far esplodere cose con la star di Predator), i ragazzi delle periferie americane riceverebbero un bell’aiuto.

I nostri complimenti ai ragazzi di Omaze, era da tempo che non si vedeva un’idea così buona e così efficace, in giro.

Annunci